Skip to Content

Festa di Maria SS. Assunta

Festa Assunta Trappeto

La comunità di Trappeto fin da 1897 ha organizzato nel giorno di ferragosto festeggiamenti in onore della patrona Madonna Assunta.

Considerato che la Chiesetta si trova a pochi passi dal mare tutte le attività di tradizione popolare venivano svolte nel piccolo borgo marinaresco denominato (U scaru) Lo Scalo piccolo porticciolo sovrastato dalle abitazione dei pescatori e centro storico del nostro paese. 

Ogni anno tutte le famiglie Trappetesi proprietari di barche con il loro equipaggio il giorno di ferragosto si riunivano allo scaro addobbavano le barche a festa e con un programma stabilito in parola dai capi famiglia (capi barca) effettuavano le gare di barche a remi prima con le barche grandi che comprendeva tutto l’equipaggio e poi con i Uzzareddi piccole barche con quattro uomini ai remi ed un timoniere, momenti eccitanti poichè essendo Trappeto un piccolo paese veniva coinvolta tutta la popolazione, i festeggiamenti continuavano poi con l’Antenna a Mare (trave unto di sapone con una bandiera alla fine) dove tutti dai 13 anni in sù potevano partecipare grande momento d’incitamento perché vincere quella gara è sempre stato motivo d’orgoglio, veniva organizzata la Sagra del pesce durante il pomeriggio veniva celebrata la messa nella piccola chiesetta e poi in corteo con la statua della Madonna per le strette vie del borgo si arrivava allo Scaro per la processione a mare ogni anno un capo famiglia a turno ornava la propria Barca per ospitare il simulacro considerato che il tutto veniva fatto all’inbrunire aspettando che il mare diventasse calmo come l’olio si accendevano le fiaccole e si andava in processione per la costa del territorio.

Da oltre ventanni è stata costituita la Congregazione Maria SS. Assunta che fedelmente ripropone quasi tutte le attività svolte in passato essendo Trappeto uno dei pochi paesi della Provincia di Palermo che svolge la processione a mare il 15 agosto, trovandosi il nostro paese nel centro del Golfo di Castellammare. I festeggiamenti assumono una particolare rilevanza , sia dal punto di vista religioso che turistico con la presenza di migliaia di persone che villeggiano lungo la costa del nostro territorio e provenienti dai paesi limitrofi, con la presenza graditissima di sua Eccellenza L’Arcivescovo di Monreale, a celebrare la Santa Messa.

 

Breve excursus storico a cura di Nicolò Russo
La festa in onore di Maria Santissima Assunta a Trappeto  risale a tempi molto remoti. Storicamente ed in ordine d'importanza e cronologico, certamente viene dopo la ricorrenza e festa della Madonna del Ponte e la festa dell'Annunziata, molto più antiche, e a cui i Trappetesi erano e sono oggi molto legati.

Quello che è dato per certo, è che già nei primi decenni del 1800 (1829) con la presenza a Trappeto del terzo Cappellano sacramentale Don Salvatore Grippi prima e Don Giovan Battista Cavataio dopo, si incominciò ad onorare tale ricorrenza, stante l'esistenza attorno al 1829  di una prima Deputazione in onore e per i festeggiamenti di Maria Santissima Annunziata a cui era dedicata l'antichissima chiesetta di Trappeto, ma che festeggiava anche l' Assunzione di Maria Vergine il 15 Agosto di ogni anno. Un'antichissima statuetta in cera della Madonna Assunta era infatti presente dentro la chiesa dell'Annunziata.
Antica tradizione vuole che i primogeniti maschi di tutte le famiglie di Trappeto oltre a  far parte dei componenti la deputazione,  per le ricorrenze festive, come primi devoti avevano obbligo del trasporto a spalla dell'avara della Madonna, e per altre incombenze legate a tali festività.  Altra certezza è che la processione della Madonna che si snodava per le vie del paese, arrivando allo scalo marittimo "Scaru", dove i festeggiamenti raggiungevano il culmine,  proseguiva poi a mare sulle barche, (come oggi avviene), con tutte le barche che venivano elegantemente addobbate a festa. Ciò è visibile anche da alcune antiche foto del 15 Agosto 1897. Pur tuttavia tale tradizione della processione della Madonna che proseguiva a mare, negli anni a cavallo della prima guerra mondiale scompare, (molto probabilmente a causa della 1° guerra mondiale e alla tragica scomparsa di ben 8 giovani Trappetesi) per ricomparire nei primi anni '20, ed essere riproposta come antica tradizione vuole, negli anni 90'.

Da premettere che l'altra festa tradizionale (anche questa molto antica e suggestiva) che si celebrava il 29 Giugno di ogni anno in onore di San Pietro, santo protettore dei pescatori, prevedeva anche la processione a mare sulla barca della statua del Santo; tale antichissima festa e ricorrenza, purtroppo attorno alla metà degli anni 60' viene inspiegabilmente interrotta. Negli ultimi decenni, grazie alla volontà e all'impegno del nostro Arciprete Don Vincenzo Lo Duca, la festa e processione in onore di Maria Santissima Assunta, sembra essere ritornata agli antichi splendori, (come alla fine dell'ottocento, quando dai paesi vicinori di Partinico, Balestrate Cinisi e Terrasini, arrivava una moltitudine di gente per questa eccezionale festa e ricorrenza)  ed è diventata oggi una celebrazione religiosa e una  festa spettacolare da non perdersi.

Nell’antichità per la serata e la notte del 15 Agosto, non essendoci illuminazione pubblica per le strade, si soleva accendere delle luminarie o dei fuochi al passaggio della processione con la statua della Madonna, e questo avveniva in special modo anche allo scalo marittimo di Trappeto e nelle spiagge adiacenti, in modo da illuminare quanto più possibile la processione a mare e rendere più sicura la navigazione delle barche della Madonna e dei fedeli, tale retaggio esistente ancor oggi, avviene nelle spiagge con l’accensione dei “falò” per la ricorrenza della notte del 15 Agosto. Ultimo rettore della prestigiosa “Congregazione dell’Assunta” che già da parecchi anni con abnegazione ed in maniera encomiabile la sta dirigendo è il signor Sebastiano Alia.